Fischi per fiaschi: Il PdR Ŕ giÓ obsoleto

10 lug. 2014

La risposta del Sindaco alle istanze dei Presidenti affronta il problema del coordinamento tra cantieri:

"Per quanto riguarda il coordinamento di più aggregati se è vero che il PDR prevede la possibilità di una cantierizzazione comune, di fatto questa sarebbe attuabile solo nel caso di una individuazione di comparti. Questa attuazione della ricostruzione comporterebbe come conseguenza la circostanza di non dover tener conto delle priorità sociali e del rientro della popolazione. Supponiamo per esempio che ci siano aggregati con prime abitazioni limitrofe o vicinori ad aggregati con solo seconde residenze, per evitare che gli abitanti, come ipotizzato nell'istanza, siano costretti ad abbandonare le abitazioni appena riparate, si dovrebbe intervenire anche su questi complessi edilizi a scapito di prime abitazioni ubicate in altre zone del centro abitato."

Ancora una volta riceviamo dal Sindaco la diretta conferma che quanto elaborato dall'Università di Camerino per il Piano di Ricostruzione di Barisciano concretizza un documento superato ed inutile.

E' ufficiale: il Piano di ricostruzione elaborato dall'Università, affidataria diretta dell'incarico a costi stratosferici, non è più attuale ed utilizzabile.

Così stando le cose il Sindaco di Barisciano è invitato a non utilizzare il PdR quando funzionale a nascondercisi dietro per giustificare i continui e gratuiti ostacoli che pone alla ricostruzione per poi definirlo inutile quando risulta in evidente contrasto con le scelte da lui adottate.

Con i soldi che recupereremo dai consilglieri, che ai tempi decisero di affidare a Camerino la redazione dei piani di ricostruzione, l'amministrazione potrà dotare il proprio parco macchine della Rolls Royce di cui si è già parlato da destinare a macchina di rappresentanza.

In questo modo recupereremo, oltre ai soldi, anche un po' dell'immagine fatta perdere al Comune dalle ripetute condanne e bocciature inflitte dagli organi inquirenti.

Walter Salvatore